La Rumâgna l’è fata

Recital in lingua romagnola
La Rumâgna l’è fata
di e con Denis Campitelli
Chitarra: Dimitri Mazza
Organetto diatonico: Andrea Branchetti

La Romagna l’hai fatta! esclama con entusiasmo San Pietro rivolgendosi a Dio in una celebre poesia di Aldo Spallicci. Ma che cos’è la Romagna? Una semplice zona geografica? O un luogo dell’anima, un’isola del carattere! Lo spettacolo prende spunto dalle poesie dei poeti di questa terra per raccontare la nascita del romagnolo e il suo divenire uomo, attraverso situazioni ironiche, farcite di un surreale realismo.

I personaggi che prendono forma dai diversi monologhi-soliloqui, con il loro carattere vivace, la loro buffa fisicità, il modo schietto di parlare e osservare la vita, portano lo spettatore a riconoscere qualcosa di se stesso.

Scheda artistica

Fotogallery

La Rumâgna l’è fata
La Rumâgna l’è fata
La Rumâgna l’è fata
La Rumâgna l’è fata
La Rumâgna l’è fata
La Rumâgna l’è fata
La Rumâgna l’è fata
La Rumâgna l’è fata
La Rumâgna l’è fata